Foto

PIERAUGUSTO STAGI: QUANDO SI CADE, CI SI RIALZA IMMEDIATAMENTE

È una regola basilare del ciclismo, ma anche della vita: quando si cade è consigliabile risalire immediatamente in sella, per non portasi dietro paure e timori. Se non ci si è fatti male, è buona regola fare così. Mauro caduto è caduto. Un po’ male - a onor del vero  - se l’è fatto e un po’ di dolore l’ha arrecato anche ad altri. Ma la cosa che è apprezzabile della sua giovane vita è che non è stato lì a piangersi addosso. Ha ammesso le proprie colpe, ha pagato  ma non si è piegato sotto il peso di una squalifica che l’ha privato delle competizioni ma non della bicicletta. Quella c’è e ci sarà.

 

È risalito in sella alla sua bicicletta, dopo aver raccolto forze e idee. Dopo essersi circondato di amici sinceri e disinteressati: uno su tutti, Pietro Illarietti. Ha deciso di diventare grande, capendo cosa avrebbe voluto fare da grande. Da oggi Mauro inizia una nuova avventura, con umiltà, passione e competenza. Gli errori commessi se li porterà dietro per sempre, ma il buon lavoro è il medicamento migliore per poter alleggerire anno dopo anno quel suo fardello di imbarazzo e dolore. Se sarà bravo, se il suo lavoro sarà fatto con coscienza e rigore, quel fardello di errori diventerà sempre più leggero, sempre meno invadente e spettrale. D’altra parte nella vita tutti noi commettiamo torti e sbagli. Per essere considerati bravi o meno non è necessario non sbagliare mai, ma il meno possibile. È una questione di bilancia e per Mauro il piatto tra qualche anno potrà tornare a pendere solo da una parte. Quella giusta.

 

Auguri amico mio.

Pier Augusto Stagi

Direttore di Tuttobici e Tuttobiciweb